Lema Mobili

Lema si racconta

  • Lema brick lane

Lema: un’eccellenza italiana tra innovazione e tradizione

Da oltre 40 anni, la storia di Lema racconta un Made in Italy capace di coniugare sapientemente innovazione e tradizione. La straordinaria capacità manifatturiera, eccellenza tipicamente italiana, incontra in Lema la precisione e l’efficienza tecnologica di una grande realtà industriale, che fa della qualità e della personalizzazione i valori imprescindibili di ogni sua proposta.
  • lema armadio warm

La storia di Lema

Fondata nel 1970 dalla famiglia Meroni, Lema si sviluppa nel cuore della Brianza forte di una tradizione che risale agli anni ‘30. Angelo Meroni, nonno e omonimo dell’attuale Presidente, avviò infatti l’attività di famiglia in una bottega artigianale nel centro di Arosio specializzata nella produzione di arredi classici.

Negli anni Cinquanta fu inaugurato il primo negozio in centro a Milano, che divenne luogo di incontro e collaborazione i primi architetti e designer che si affacciavano allora sulla scena nazionale e che contribuirono nella spinta verso una produzione dall’estetica più contemporanea.

Tra le prime collaborazioni, ricordiamo quella significativa con Angelo Mangiarotti. Negli anni Settanta Luigi e Enrico, figli di Angelo, danno avvio alla produzione industriale, affidando proprio a Mangiarotti la progettazione di una sede aziendale ad Alzate. Il nuovo stabilimento industriale segue nello stile architettonico le più moderne logiche della produzione in linea.

Nel 1978 il noto designer Tito Agnoli, protagonista della scena italiana tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Settanta, progetta per Lema Lo Scaffale, il primo sistema a spalla portante prodotto in Italia su scala industriale e proposto dall’azienda in diverse finiture. Lo segue, nel 1981, il primo Armadio al Centimetro, che segna una vera rivoluzione: un programma modulare di armadiature che si basa su pannelli disassemblati, da realizzare su misura ma per la prima volta con la qualità e i costi di un prodotto industriale. Un nuovo punto di arrivo per Lema, che ancora incentra il proprio core business intorno ai sistemi modulari.

Per rispondere al meglio alle esigenze dettate dal costante sviluppo, Lema apre nel 1992 un secondo stabilimento a Giussano, sempre firmato da Mangiarotti e oggi dedicato alla divisione Lema Contract, fondata nel 2004. A partire dal 1994 Piero Lissoni diventa art director dell’azienda.

L’innovazione che da sempre contraddistingue Lema, è ben simboleggiata dal nome del brand, acronimo di Luigi e Enrico Meroni Arredamenti, e studiato da Bob Noorda, tra i principali maestri della grafica del 900.

  • lema divano mustique

I valori

L’eccellenza che contraddistingue ogni prodotto Lema è determinata dall’innovazione dei processi produttivi, sapientemente integrati con attente lavorazioni manuali, che fanno tesoro delle competenze e delle professionalità tipiche del distretto brianzolo.

Da subito Lema si orienta verso una produzione gestita internamente, dall’arrivo delle materie prime all’imballaggio. Anche i pannelli, elementi cardini dei sistemi, sono lavorati direttamente dall’azienda. Un valore alla base della grande capacità di personalizzazione che da sempre contraddistingue Lema.

Oggi, grazie al perfetto mix tra le più innovative tecnologie e la profonda tradizione, l’azienda è in grado di offrire un’ampia gamma di arredi e la possibilità di realizzare soluzioni personalizzate e su misura per i propri clienti. Dalla progettazione alla realizzazione di ciascun prodotto, viene posta un’estrema cura in ogni fase e dettaglio del processo produttivo, grazie anche alla stretta collaborazione con i designer di cui Lema si avvale. Ed è proprio nell'attenzione alla qualità che risiede l'essenza del design italiano e il modo straordinario in cui Lema lo interpreta.

  • lema letto madama

Lema oggi

Il Gruppo, tra i protagonisti del Made in Italy e composto dalle divisioni Lema Casa, Lema Contract e ufficio con International Office Concept, è oggi una realtà sempre più globale, che vanta un insediamento industriale di 48.000 mq coperti, suddivisi tra i due impianti di Alzate Brianza e Giussano, con 230 dipendenti e un importante indotto per il territorio locale. Significativi e costanti i tassi di crescita.

Lema rappresenta un modo peculiare e unico di fare industria, che fa della personalizzazione il suo atout. Grazie alla profonda sinergia che intercorre fra le differenti anime aziendali, concretizzate nelle divisioni Casa e Contract, sa rispondere in maniera eccellente ad ogni esigenza progettuale, sia in termini estetici che funzionali, sia dei consumatori finali che dei professionisti. Architetti e contractor sanno di potere trovare in Lema un partner strategico per importanti forniture in ambito multi-apartment, hotellerie e per ogni altra espressione del contract, grazie a soluzioni custom-made che possono essere abbinate alle proposte del catalogo Casa, in modo da sfruttare al meglio i vantaggi della produzione in serie.

Presente in 50 Paesi con una rete di oltre 1.000 punti vendita in Italia e nel mondo, Lema sta registrando negli ultimi anni importanti tassi di crescita in Asia e, più in generale, nei paesi extra europei dove la presenza del marchio si è molto rafforzata anche grazie alle aperture dei flagship store di New York, Miami, Los Angeles, Tokyo, Taichung, Taipei, Melbourne. L’ultima in ordine di tempo è l’apertura a Shenzen, in Cina che con 1200 mq di superficie risulta il più grande flagship store Lema al mondo. L’Europa resta un mercato fondamentale per Lema che ha scelto la piazza di Londra per aprirvi nel 2015 il primo flagship store di proprietà.